In Questo Articolo:

Ho avuto un piano quinquennale. A 31 anni, ho effettivamente avuto alcuni piani quinquennali. Di solito vanno: Viaggia, guadagna la carriera dei sogni, acquista in modo indipendente la proprietà, innamorati di La persona perfetta e fatti dei bambini. Ogni volta che ho fatto il piano, sono arrivato fino al viaggio. Poi ho dovuto buttare il tutto fuori dalla finestra e ricominciare. Ecco perché non ho più un piano quinquennale - e perché non dovresti neanche.

Avere un piano quinquennale, tanto adulto quanto potrebbe farti sentire, può essere davvero una cosa super restrittiva e ansiosa. E chi ha davvero bisogno di quelle restrizioni e ansie in più in un mondo che è già pieno di loro? Potresti pensare che sia confortante avere un piano - e mentre è perfettamente accettabile sapere dove vuoi arrivare e perché, tracciare un approccio graduale per arrivarci non è necessariamente vantaggioso. Ecco perché dovresti rottamare quel piano quinquennale e volare sul posto dei tuoi pantaloni.

1. Perché cinque anni non sono così lunghi

commedia pilota di notte centrale

Quindi vuoi comprare una casa, sposarti, iniziare la tua attività, andare in India per sei mesi, ottenere il tuo master e imparare come cuocere? È possibile che tu possa fare tutto in cinque anni, ma cinque anni non sono poi così lunghi. Dire a te stesso che hai solo una certa quantità di tempo per fare le cose che vuoi fare è stressante. Pensa invece al tuo piano quinquennale come a un piano di "vita" e ti sentirai molto più rilassato a fare tutto.

2. Perché mettere tanta pressione su te stesso è assurdo

Costantemente arringare te stesso sul raggiungimento di determinati obiettivi in ​​determinate date non può essere così divertente. Quindi sei ancora $ 10.000 a corto di un deposito di casa per la tua scadenza autoimposta. Chiediti: è questa la fine del mondo? Invece di fare pressione su te stesso per colpire alcune pietre miliari in determinate date, perché non fare il punto e congratularmi con te stesso per il duro lavoro che hai svolto? Abbassa le spalle se sei indietro di un anno e rifocalizzi. Il tuo piano originale non ha funzionato (i primi raramente lo fanno), quindi riprova. Impara dal tuo fallimento e smetti di essere così duro con te stesso.

3. Perché la tua autostima non dovrebbe essere legata a obiettivi arbitrari

Il tuo senso di dignità non dovrebbe essere collegato a ciò che ottieni e quando lo raggiungi. Dovresti sentirti meritevole semplicemente per essere una persona umana che cerca davvero di vivere bene e di essere gentile con chi ti circonda. Non importa se hai un anello al momento del tuo 30, o una promozione al lavoro entro un anno dall'ottenimento del lavoro, o depilazione laser prima della festa di compleanno del tuo amico. Nessuna di queste cose ti rende più o meno degno del tuo amore.

4. Perché la vita può sorprenderti

Forse hai in mente un certo obiettivo di carriera per il tuo piano quinquennale, e a metà strada, proprio come tutto sta andando nel modo in cui doveva, la tua intera azienda si spegne e tutti vengono licenziati. Puoi a) entrare in modalità panico riguardo al singhiozzo nel tuo piano quinquennale, oppure b) rotolare con i pugni e lasciare che le tue priorità e obiettivi cambino di conseguenza. Il punto è che puoi pianificare fino a quando le mucche tornano a casa, ma la vita sarà lì per farti inciampare quando meno te lo aspetti. Esatto: alla vita non importa il tuo piano quinquennale (e non dovresti neanche).

5. Perché potresti cambiare idea

dita magotes commerciali

Riesci a pensare a qualcosa di peggio che decidere di volere una cosa, rendendoti conto che la odi, quindi hai la sensazione di doverla mantenere perché è parte di un piano quinquennale? Anche se arrivi con successo al quarto anno del tuo piano, se cambi idea e trovi ciò che pensavi ti rendesse felice non ti rende davvero felice, devi darti la libertà di cambiarlo. Altrimenti, un piano quinquennale è solo un'idea arbitraria di come dovrebbe essere la tua vita, piuttosto che un percorso effettivo verso la felicità.

6. Perché non c'è solo una strada in cima alla montagna

Cenerentola qualunque cosa

Abbiamo tutti un'idea di chi vogliamo essere e cosa vogliamo dalla vita. È fantastico! Comunque la vita non è lineare, e nel tuo viaggio verso l'alto, potresti trovarti a fare una deviazione - potrebbe sorgere un'opportunità inaspettata, o la vita potrebbe buttarti in una palla curva. Solo perché non stai seguendo esattamente la mappa, non significa che non riuscirai a capire dove stai andando. Non esiste una "strada giusta" per raggiungere i tuoi obiettivi. Tutto quello che puoi veramente fare è fare del tuo meglio, essere aperto a te stesso e al mondo che cambia intorno a te, mentre vai. Chi lo sa - accogliendo con fluidità potresti imparare e sperimentare cose che non avresti se ti ficcassi in un percorso prestabilito preciso e stretto.

7. Perché potresti metterti in condizione di "fallire"

le barre irregolari delle olimpiadi falliscono

Non c'è davvero una cosa come "fallimento". Quando non ci riesci, è solo una curva di apprendimento. Ma se hai determinati obiettivi e non li incontri alla scadenza, potresti sentirti come se avessi effettivamente "fallito". Superare il senso di fallimento può essere difficile e talvolta ci dissuade dal provare cose diverse. Se imposti delle aspettative non realistiche per la tua vita, c'è la possibilità che tu non le incontri a breve termine, e poi ti rimproveri di cercare di raggiungerle a lungo termine.

8. Perché potrebbe non essere affatto il tuo piano quinquennale

Se hai un piano quinquennale, chiediti: di chi è il piano, davvero? È un piano quinquennale che ti è venuto in mente totalmente da solo, completamente libero dall'influenza della società e dal condizionamento culturale? Se lo è, congratulazioni, hai appena trasceso la condizione umana! È probabile che il tuo piano sia pesantemente influenzato dalle cose che la società si aspetta da te - sposarsi, avere figli, essere perfetti ecc. - che spesso non sono realistici. È probabile quindi che il tuo piano quinquennale sia basato su ciò che ritieni ti aspetti da te, piuttosto che su ciò che vorresti o farebbe naturalmente se quell'aspettativa non esistesse.


Video: COSA SAI DEI ROTHSCHILD? Pietro Ratto