In Questo Articolo:

Quando si invia una richiesta di mutuo ipotecario, il creditore deve verificare di avere un reddito sufficiente per assumere il nuovo debito. Istituti di credito quindi contattano il vostro datore di lavoro per verificare il vostro impiego; questo normalmente si verifica dopo aver ricevuto l'approvazione preliminare per il prestito. Tuttavia, il processo di prestito ipotecario può richiedere settimane o addirittura mesi in modo che i prestatori tipicamente riverificano il proprio lavoro prima della chiusura del prestito.

Mutuo

La chiusura del prestito ipotecario finanzia il prestito e lo perfeziona.

Approvazione del mutuo ipotecario

Devi includere le informazioni sul reddito sulla tua richiesta di mutuo ipotecario. Il vostro prestatore utilizza le informazioni fornite, come il reddito annuo dichiarato, per prendere una decisione preliminare sulla vostra richiesta. Il tuo istituto di credito confronta il tuo reddito dichiarato con i livelli di debito indicati sul tuo rapporto di credito e calcola il tuo rapporto debito / reddito. Se hai abbastanza entrate e credito soddisfacente, allora ottieni un'approvazione preliminare. Le agenzie di credito di solito hanno registrazioni relative al vostro impiego e possono fornire al vostro prestatore una stima del vostro reddito annuale. Tuttavia, le agenzie di credito non hanno sempre informazioni aggiornate, quindi il tuo prestatore deve contattare il tuo datore di lavoro per sapere se sei ancora occupato.

Requisiti del mutuo ipotecario

La maggior parte dei prestiti scritti negli Stati Uniti sono venduti alle entità ipotecarie Fannie Mae e Freddie Mac; queste due aziende richiedono ai prestatori di ottenere una verifica scritta di avviso di lavoro dal proprio datore di lavoro. Per un primo deposito, il creditore deve inviare un modulo di verifica direttamente al proprio datore di lavoro; un rappresentante autorizzato del tuo datore di lavoro deve completarlo e inviarlo al creditore. Per un prestito di secondo grado come un prestito a casa; il prestatore può darti il ​​modulo e chiedere di far compilare il tuo datore di lavoro e restituirlo al creditore.

Mutuo ipotecario Seconda verifica

Il processo di sottoscrizione del mutuo richiede in genere tra 45 e 60 giorni. Poiché il tuo rapporto di credito cambia una volta al mese, il tuo istituto finanziario lo controlla nuovamente prima della chiusura per garantire che le tue condizioni finanziarie non siano cambiate. Il tuo istituto di credito rivaluterà anche il tuo impiego alla fine del processo di sottoscrizione per assicurarti di essere ancora assunto. Questa seconda verifica potrebbe verificarsi il giorno della chiusura e una perdita di posti di lavoro o il cambiamento di posti di lavoro potrebbe far deragliare l'intero processo di mutuo.

Perdere o cambiare lavoro

Se il tuo istituto di credito ipotecario scopre di aver perso il lavoro o di aver cambiato lavoro durante il processo di sottoscrizione, potresti comunque qualificarti per un prestito, ma nella migliore delle ipotesi devi affrontare un ritardo. È necessario fornire al creditore la prova di una nuova fonte di reddito e il creditore deve contattare il nuovo datore di lavoro e verificare il proprio reddito almeno una volta prima di chiudere il prestito. Se sei un lavoratore autonomo, devi anche avere due anni di reddito verificabile prima di poter beneficiare di un prestito. Inoltre, se non si trova un nuovo datore di lavoro, è possibile riaccreditare il prestito se si trova un investitore disposto a assumersi la responsabilità condivisa del prestito.


Video: Confronto Sovranisti VS Europeisti - Marco Mori, Enea Franza