In Questo Articolo:

Acquisti di beni come immobili, azioni e fondi comuni che hanno il potenziale di aumentare di valore nel tempo è un modo comune per investire e costruire ricchezza nel tempo. Nella finanza personale e negli investimenti, i termini "equità" e "profitto" descrivono concetti diversi, ma correlati, associati al valore e alla crescita degli investimenti.

Cos'è l'equità?

Nella finanza personale, l'equità si riferisce al valore della proprietà di una persona o di un'organizzazione in una risorsa. Ad esempio, quando acquisti una casa, la tua casa equità è il valore totale della casa meno il debito che hai sulla casa. Allo stesso modo, quando acquisti una quota di azioni in una società, il valore del titolo è equity, poiché le azioni azionarie rappresentano piccole porzioni di proprietà nelle società che le emettono.

Cos'è il profitto?

Il profitto descrive il guadagno che realizzi quando vendi un bene che è aumentato di valore nel tempo. Ad esempio, se acquisti una casa per $ 200.000 e la vendi per $ 300.000 cinque anni dopo, il tuo profitto è il guadagno di $ 100.000. Dal punto di vista di un'azienda, il profitto è l'importo con il quale le vendite o le entrate totali superano i costi.

Come l'equità determina il profitto

L'attuale valore patrimoniale di un'attività al netto del suo valore patrimoniale originario è uguale all'importo di qualsiasi profitto o perdita realizzati se si vende l'attività. Ad esempio, se acquisti azioni per $ 40, il tuo capitale al momento dell'acquisto è $ 40. Se il valore del titolo sale di $ 10, guadagni $ 10 di azioni e puoi vendere le azioni per ottenere un profitto. Tuttavia, se il valore del titolo diminuisce, perdi valore azionario e, se vendi il titolo, incorre in una perdita pari all'importo del capitale perso.

considerazioni

Quando acquisti beni e li vendi per un profitto, il profitto è anche un guadagno in conto capitale. L'Internal Revenue Service applica plusvalenze sugli investimenti. Le normative IRS stabiliscono che i guadagni realizzati su investimenti detenuti per un anno o meno sono considerati plusvalenze a breve termine, mentre gli investimenti che si mantengono più lunghi di un anno sono guadagni in conto capitale a lungo termine. I guadagni a lungo termine sono tassati ad un tasso massimo del 15 percento nel 2011, mentre i guadagni a breve termine sono tassati allo stesso tasso del reddito, che può arrivare fino al 35 percento.


Video: 7 -- L'economia di mercato: concorrenza, efficienza ed equità -- Fabio Ranchetti