In Questo Articolo:

I paesi a volte si uniscono per formare una zona di libero scambio o un'unione doganale per promuovere il commercio. Ciò si verifica spesso con paesi che hanno confini comuni. I due tipi di associazioni di categoria sono simili sotto molti aspetti, ma hanno un approccio diverso rispetto al modo in cui vengono trattati i partner commerciali esterni.

Commercio interno ed esterno

Sia le aree di libero scambio che i sindacati doganali eliminano la maggior parte barriere commerciali interne, come le tariffe e le quote, sui beni prodotti dai suoi membri. La differenza fondamentale tra gli accordi di libero scambio e le unioni doganali implica la gestione degli scambi con nazioni o gruppi commerciali esterni. Ogni membro FTA imposta il proprio commercio estero politica. Un'unione doganale, d'altra parte, impone tariffe e quote uniformi al commercio estero per tutti i suoi membri.

Principali accordi di libero scambio e unioni doganali

Il NAFTA, composto da Canada, Stati Uniti e Messico, è un FTA di primo piano. Le merci prodotte negli Stati Uniti, ad esempio, possono essere importate in franchigia da Canada e Messico. Tuttavia, ciascuno dei tre paesi membri stabilisce la propria politica commerciale per i beni prodotti da altri paesi esterni e dalle unioni doganali.

La più importante unione doganale è l'Unione europea, composta da 28 paesi. L'appartenenza all'Unione europea consente alle merci prodotte dalla Gran Bretagna, ad esempio, di essere importate in franchigia dalla Francia e da tutti gli altri membri dell'UE. Le merci prodotte da nazioni esterne o unioni doganali sono soggetto alle stesse tariffe e alle stesse tariffe se importato dalla Gran Bretagna, dalla Francia o da uno qualsiasi degli altri 26 membri dell'UE.

Complicato ma gratuito

I membri degli ALS sono liberi di stabilire patti commerciali con partner commerciali al di fuori dell'ALS. Ciò consente a un membro di adattare le politiche commerciali esterne per proteggere determinate industrie o prodotti o per trarre vantaggio da alcune caratteristiche della sua economia. Tuttavia, tariffe tariffarie esterne diverse tra i membri dell'FTA complicano il commercio interno di beni prodotti in tutto o in parte al di fuori dell'associazione.

Il NAFTA si occupa di questa situazione stipulando regole di origine che determina come questi beni sono trattati all'interno del gruppo.

Semplice ma restrittivo

La politica commerciale esterna comune di un'unione doganale apre la strada affinché i prodotti importati dall'esterno dell'Unione possano muoversi più liberamente tra i paesi membri. Un widget importato dagli Stati Uniti in Germania paga la tariffa esterna comune dell'UE, quindi può essere spedito in Italia o in uno qualsiasi degli altri 26 membri dell'UE senza tariffa.

A volte, tuttavia, una nazione membro può trovare la politica commerciale esterna comune restrittiva. Potrebbe essere costretto a caricare tariffe più alte di quanto altrimenti farebbe.

Un membro dell'unione doganale non sarebbe in grado di negoziare accordi commerciali per sfruttare le forti connessioni con le nazioni al di fuori dell'unione. La Gran Bretagna, ad esempio, non può negoziare condizioni speciali con il Canada o altre nazioni con cui ha legami commerciali di lunga data.


Video: T.T.I.P. - Trattato Truffa Imposto a Paesi (Usa-Europa)