In Questo Articolo:

Assicurazione di invalidità di sicurezza sociale, o SSDI funziona come un assicuratore di "ultima istanza" per le persone che soffrono di una condizione disabilitante che impedisce loro di lavorare. Nella maggior parte dei casi, SSDI copre solo le condizioni di disabilitazione più gravi. Disabilità temporanea totale e invalidità parziale permanente descrivono le due categorie di condizioni che si qualificano per i sussidi di invalidità della sicurezza sociale. Le differenze tra le due categorie hanno a che fare con la lunghezza e la gravità di una condizione.

Determinazioni di invalidità

L'eleggibilità per i sussidi di invalidità della sicurezza sociale dipende dal fatto che una persona possa svolgere qualsiasi tipo di attività lavorativa per periodi di tempo prolungati. Nel caso di disabilità parziali totali e permanenti temporanee, i revisori considerano anche la precedente linea di lavoro di una persona nel determinare gli effetti di una disabilità. Le determinazioni della disabilità comportano un processo di revisione che esamina gli effetti delle condizioni di una persona sulla sua capacità di guadagnarsi da vivere. Le commissioni di revisione della disabilità devono considerare la gravità di una condizione fisica e determinare se causano una menomazione sufficientemente significativa da giustificare l'assistenza finanziaria attraverso i sussidi di invalidità. In effetti, le determinazioni della disabilità comportano sia una valutazione medica che una valutazione economica dello stato fisico di una persona.

Disabilità parziale e totale

Una delle differenze tra invalidità totale temporanea e invalidità permanente parziale ha a che fare con il fatto che una persona possa svolgere qualsiasi forma di lavoro retribuito. Qualcuno con una disabilità parziale ha una capacità ridotta rispetto a prima che esistesse una disabilità. In altre parole, la condizione gli impedisce di lavorare nella sua solita linea di lavoro, ma può comunque svolgere altri ruoli lavorativi. Qualcuno con una disabilità totale ha perso la maggior parte, se non la totalità, della capacità di esibirsi in qualsiasi tipo di ruolo lavorativo e nella sua precedente linea di lavoro.

Disabilità temporanea vs. permanente

Quando si considera una richiesta di invalidità, i revisori della sicurezza sociale possono etichettare una condizione come temporanea, anche quando esiste una disabilità permanente. La sicurezza sociale considera una condizione invalidante in termini di potenziale recupero e richiede ai richiedenti di sottoporsi a esami fisici periodici per determinare se una condizione è migliorata. In alcuni casi, la differenza tra una disabilità totale temporanea e una disabilità parziale permanente diventa evidente quando una persona riceve una valutazione di valutazione del danno. Secondo la National Archives & Records Administration, una valutazione della valutazione del danno si verifica dopo che una persona riceve un rating di disabilità totale temporanea e ha ricevuto benefici per 104 settimane. Sulla base della valutazione di un medico, qualcuno che mostra un recupero fisico minimo o nullo può passare da un punteggio totale temporaneo a un punteggio di invalidità parziale permanente nei casi in cui una persona possa ancora eseguire il 50% della sua capacità lavorativa precedente.

Differenze nei diritti alle prestazioni

Le differenze tra disabilità totali temporanee e invalidità parziali permanenti giocano un ruolo nel modo in cui la sicurezza sociale determina l'importo del diritto al beneficio di una persona. Le persone con un grado di invalidità parziale permanente possono ricevere benefici fino a 500 settimane a partire dalla data di un infortunio, secondo la National Archives & Records Administration. Le persone con un punteggio di invalidità totale temporaneo possono ricevere benefici su base continuativa che iniziano alla data del loro ultimo giorno di lavoro. In generale, gli importi di indennità corrispondono a una percentuale della differenza tra la retribuzione percepita da una persona nella precedente linea di lavoro e la sua attuale capacità retributiva. Gli importi percentuali sono compresi tra il 66-2 / 3 e il 75 percento della differenza salariale.


Video: Malattia professionale Inail: quando il riconoscimento è automatico?