In Questo Articolo:

Se dovessi chiedere a un direttore di banca quanti soldi ci sono nella sua banca, lei potrebbe darti due risposte diverse, e entrambi sarebbero corretti. Poteva dirti quanti soldi hanno i suoi clienti nei loro conti, o potrebbe dirti quanti soldi ha effettivamente la banca in mano. La differenza tra le sue risposte è la differenza tra depositi bancari e riserve bancarie.

Differenze tra depositi bancari e riserve bancarie: bancari

Le banche possono immagazzinare le loro riserve nei loro caveau o lasciare che la Fed si aggrappi a loro.

Depositi bancari

I "depositi bancari" si riferiscono semplicemente al denaro che i clienti di una banca hanno messo in banca, ad esempio nei conti di controllo o di risparmio o acquistando certificati di deposito. Se si prendessero tutti i clienti di una banca e si sommasse il saldo di tutti i loro conti di deposito, si otterrebbero i depositi totali della banca. La Federal Reserve definisce i conti di deposito come conti di transazione o conti non di transazione. La differenza tra i due si riduce a quanto prontamente il cliente può prelevare denaro dal conto.

Riserve bancarie

Se hai un conto corrente con un saldo di $ 10.000, per esempio, non c'è un cassetto speciale presso la banca con $ 10.000 in esso messi da parte per te. Le banche trattengono solo una parte dei loro depositi, sufficienti a coprire la tipica domanda di prelievi. Il resto è disponibile per la banca da prestare ad altri clienti. La parte dei suoi depositi che la banca detiene è chiamata le sue riserve. Può mantenere le sue riserve in contanti nei suoi caveau o come depositi presso la banca della Federal Reserve per la sua regione.

Requisiti di riserva

La Federal Reserve stabilisce l'importo minimo che una banca deve tenere in riserva. A partire dal 2011, ad esempio, la Fed richiede alle banche di detenere una percentuale dei loro conti di transazione in base a una formula in tre fasi. Per i primi $ 10,7 milioni di conti di transazione, non vi è alcun obbligo di riserva. Per i depositi sul conto delle transazioni superiori a $ 10,7 milioni ma inferiori a $ 58,8 milioni, l'obbligo di riserva è del 3%. Per i depositi del conto delle transazioni superiori a $ 58,8 milioni, il requisito è del 10 percento. Quindi, diciamo che una banca ha $ 100 milioni in conti di transazione. I primi $ 10,7 milioni sono esenti. I successivi $ 48,1 milioni - cioè da $ 10,7 milioni a $ 58,8 milioni - hanno un requisito di riserva del 3% o $ 1,443,000. L'ultimo $ 41,2 milioni - cioè da $ 58,8 milioni fino a $ 100 milioni - ha un requisito di riserva del 10%, o $ 4,120,000. Aggiungilo tutto e la banca deve mantenere riserve di $ 5.563.000.

Riserve come strumento di politica

La Fed può utilizzare l'obbligo di riserva non solo per garantire che le banche dispongano di denaro sufficiente per soddisfare le richieste di prelievo dei clienti, ma anche per controllare l'offerta di moneta. Più alto è il requisito di riserva, meno fondi sono disponibili per il prestito. Bloccando il denaro depositato nelle riserve bancarie, la Fed può ridurre la quantità di denaro che fluisce attraverso l'economia, il che aiuta a ridurre l'inflazione. Viceversa, abbassando l'obbligo di riserva, la Fed può incoraggiare il prestito, che ottiene più denaro nell'economia per stimolare la crescita.


Video: Deposito Bancario