In Questo Articolo:

Rifinanziare il mutuo è un modo per ridurre il tasso di interesse e l'importo del pagamento per il mutuo per la casa. Per la maggior parte dei proprietari di case, il desiderio al momento del rifinanziamento è di pagare il minor denaro possibile alla chiusura il più possibile. Un rifinanziamento tradizionale non è richiesto per un rifinanziamento, ma la quantità di denaro richiesta dipende da diversi fattori.

Considerazioni sull'equità domestica

Il fattore principale che determina se un proprietario di abitazione deve mettere denaro in un rifinanziamento è la quantità di capitale che il proprietario ha in casa. L'equità è la differenza tra il valore corrente della casa e il saldo del prestito esistente. Nella maggior parte dei casi, un creditore richiederà al proprietario di casa di avere un'equità nella casa di almeno il 5 percento. Per evitare di pagare un'assicurazione ipotecaria per proteggere il creditore, è richiesto un livello di equità pari al 20 percento del valore della casa.

Rifinanziare i costi

Per il proprietario della casa che ha equità nella sua casa e vuole rifinanziare, il maggior costo è il costo di chiusura per ottenere un nuovo prestito. La guida del consumatore al rifinanziamento ipotecario del Federal Reserve Board rileva che i costi di rifinanziamento dal 3 al 6% dell'importo del prestito sono tipici. Su un prestito di $ 200.000, questo è un costo di $ 6.000 a $ 12.000. Un proprietario di casa con sufficiente equità nella sua casa può scegliere di trasferire questi costi nel nuovo prestito, riducendo i costi di tasca propria.

Semplifica le opzioni di rifinanziamento

Dalla caduta dei valori immobiliari dopo la bolla immobiliare del 2003-2006, i finanziatori e i programmi ipotecari sostenuti dal governo stanno offrendo programmi di rifinanziamento semplificati per consentire ai proprietari di case di rifinanziare a tassi più bassi con programmi di equità domestica nulli o negativi. Questo tipo di rifinanziamento consente al proprietario di casa di rifinanziare l'importo del prestito corrente senza che la casa venga valutata. L'importo del prestito non può essere aumentato e il proprietario della casa deve pagare tutti i costi di chiusura.

Incasso in contanti

Nel febbraio 2010, il Washington Post ha pubblicato un articolo che parlava dell'aumento dell'interesse per il rifinanziamento in contanti. Questo processo è quando i proprietari di case rifinanziare i loro mutui per la casa e pagare un acconto in contanti per ridurre l'importo del prestito. Un rifinanziamento in contanti può consentire a un proprietario di una casa con poca equità in casa di ottenere un mutuo a basso tasso di interesse e risparmiare in modo significativo sul pagamento della sua casa. Il rifinanziamento in contanti è per i proprietari di case che capiscono che i loro valori immobiliari sono diminuiti, ma vogliono mantenere la casa a lungo termine.


Video: Consiglio Comunale del 30 Marzo 2017