In Questo Articolo:

La maggior parte dei lavori d'ufficio oggi ha più della loro quota di sovraccarico di informazioni. Sei costantemente disponibile, costantemente connesso e costantemente atteso per soddisfare le esigenze dell'azienda. La maggior parte dei lavoratori ha probabilmente desiderato che potessero prendersi una pausa. Per i manager, questa esigenza è più urgente della maggior parte.

I ricercatori della Michigan State University hanno appena pubblicato uno studio sugli effetti del sovraccarico di e-mail sulla capacità di un supervisore di gestire in modo efficace. Molto dipende dalla nostra capacità di recuperare dalle interruzioni, che è praticamente inesistente. I dipendenti perdono un'ora e mezza al giorno per rimettersi in carreggiata, e quando si è responsabili di altre persone, si perde molto tempo per essere effettivamente un capo.

Quando i manager si lasciano alle spalle i propri compiti, il team MSU ha scoperto che invece di occuparsi dei propri report diretti, recupera il tempo perduto con un lavoro impegnativo - elementi facilmente completabili che li fanno sentire come se almeno qualcosa fosse stato fatto quel giorno. Sappiamo già che la costante disponibilità e le continue interruzioni hanno implicazioni per la nostra salute fisica, relazionale e mentale. Secondo questo studio, non è nemmeno buono per gli affari; il morale e le prestazioni dei dipendenti tendono a soffrire in queste circostanze.

"La morale della storia è che i manager devono mettere da parte orari specifici per controllare la posta elettronica", ha detto l'autore principale Russell Johnson in un comunicato stampa. "Questo mette il manager in controllo, piuttosto che reagire ogni volta che appare un nuovo messaggio nella posta in arrivo, che controlla il controllo lontano dal gestore." Studi simili su progetti di gruppo e l'uso di smartphone sono arrivati ​​alla stessa conclusione. Non importa quale sia il tuo ruolo, potrebbe valerne la pena occuparti di nuovo della tua attenzione.


Video: LA DEGENERAZIONE DELLA SCUOLA - Umberto Galimberti