In Questo Articolo:

Il patrimonio di un individuo è costituito da tutti i beni personali, proprietà immobiliari, investimenti e tutti gli altri beni che possiede durante la sua vita. Quando una persona muore, la sua proprietà è governata dalla sua ultima volontà e testamento o, se non aveva documenti di pianificazione patrimoniale, dalle leggi di intestazione dello stato. Sebbene sia il suo esecutore che i suoi beneficiari svolgano un ruolo nella tenuta del defunto, non tutti hanno diritti su di esso.

Esecutore e diritti del beneficiario di una proprietà: diritti

Sia l'esecutore che i beneficiari svolgono un ruolo nella distribuzione immobiliare.

Terminologia

Un beneficiario è la persona o entità designata a ricevere le attività nel patrimonio di un defunto. Un defunto è una persona deceduta. Una proprietà è il patrimonio di proprietà di una persona deceduta al netto di eventuali debiti in sospeso. Un esecutore è la persona o entità designata dal deceduto o dal tribunale per amministrare la distribuzione della proprietà. Un esecutore può anche essere conosciuto come un esecutore (se è una donna) o un rappresentante personale. L'intimità è la condizione di morire senza volontà. La distribuzione della proprietà di un defunto se non ha testamento o altri documenti di pianificazione patrimoniale è regolata dalle leggi sull'intestino nello stato in cui viveva. The Last Will and Testament, o testamento, è un documento creato dal defunto durante la sua vita in cui nomina l'esecutore e i beneficiari della proprietà.

I diritti dell'Esecutore

L'esecutore di una proprietà non ha diritti sulla proprietà stessa. L'unico diritto alla proprietà detenuta dall'esecutore è il diritto di addebitare un importo ragionevole per i suoi servizi nell'amministrazione e nella distribuzione della proprietà ai beneficiari. È possibile, tuttavia, che l'esecutore della tenuta possa anche essere un beneficiario nominato.

I diritti dei beneficiari

Il beneficiario o i beneficiari sono coloro che hanno diritto alla distribuzione definitiva dei beni immobiliari come stabilito dalla lingua nella volontà del defunto. La volontà può specificare che un beneficiario debba ricevere una somma in dollari dell'immobile. Questo è noto come un lascito specifico. Il defunto può anche aver espresso la sua volontà di dichiarare che un beneficiario deve ricevere una percentuale della proprietà. Questo è noto come lascito residuo. I lasciti residuati di una proprietà devono essere pari al 100 percento, sia che siano dati a un beneficiario o divisi tra molti.

considerazioni

Denominare un beneficiario di una volontà come esecutore della tenuta è del tutto legale. Ci può essere un conflitto di interessi, o almeno un'apparenza di tale, nel farlo se l'individuo non è un membro della famiglia del deceduto. Secondo LectLaw.com, un modo per eliminare questo conflitto di interessi è di fornire nella volontà che la persona designata come esecutore / beneficiario debba accettare di rinunciare a qualsiasi onorario dell'esecutore per l'amministrazione della proprietà. Ciò eliminerà ogni doppio beneficio che un tale individuo riceverebbe.


Video: