In Questo Articolo:

Hai un'ora prima del tuo prossimo impegno. cosa fai? Se sei la maggior parte delle persone, non è molto - e abbiamo un'idea del perché.

I ricercatori della Ohio State University hanno analizzato il motivo per cui tendiamo a perdere tempo prima di un incontro, piuttosto che utilizzarlo in modo produttivo. Non c'è niente di oggettivamente diverso nell'ora prima di un incontro, dopotutto. Si scopre che i nostri cervelli non tendono a pensare così. Piuttosto che vedere quel blocco di tempo per quello che è, mentalmente "prendiamo una tassa dal nostro tempo", secondo il coautore dello studio Selin Malkoc.

"Pensiamo che qualcosa potrebbe emergere, potremmo aver bisogno di un po 'di tempo extra, anche quando non c'è bisogno di farlo", ha detto in un comunicato stampa. "Di conseguenza, facciamo meno con il tempo disponibile."

Non solo i partecipanti in otto studi separati hanno mostrato questa tendenza in astratto, ma lo hanno fatto anche quando è stata coinvolta una ricompensa finanziaria. In programma per un altro appuntamento, i partecipanti hanno scelto di completare un'attività di 30 minuti per guadagnare $ 2,50 anziché un'attività di 45 minuti per $ 5.

Ci possono essere altre ragioni per cui questa assunzione si manifesta nel lavoro e nella vita quotidiana. Le interruzioni possono farci perdere fino a 23 minuti di recupero dell'attività, il che può rendere il tempo che trascorre prima che un appuntamento sembri non abbastanza. Perdiamo anche la cognizione del tempo sui social media, interrompendo se stessi; nel corso di una vita, questo può aggiungere fino a cinque anni e mezzo di navigazione senza cervello.

Malkoc suggerisce di raggruppare le riunioni insieme, se possibile, lasciando un lungo intervallo di tempo ininterrotto da organizzare. "Riteniamo che se avremo una riunione in due ore, non dovremmo lavorare su grandi progetti, quindi potremmo trascorrere del tempo semplicemente rispondendo alle e-mail o facendo cose che non sono altrettanto produttive".


Video: I 25 acronimi del lavoro che non puoi non conoscere