In Questo Articolo:

Pochi creativi sono entusiasti del loro lavoro di giorno, comici ancora meno così. O forse sono solo io. Non fraintendetemi, sono elettrizzato quando ottengo il mio stipendio e non devo decidere tra cose divertenti come pagare l'affitto e un viaggio al negozio di alimentari, ma anche accostare l'idea del lavoro di un giorno come mezzo per un Alla fine mi sento come un tecnicismo che preferirei non riconoscere. Sono sicuro che non sto facendo un ottimo lavoro per nasconderlo - i giorni in cui ho indossato il mio reggiseno di fiducia e mi sono presentato come un comico, la gente mi ha chiesto di chiarire: "Oh, è questo che fai per soldi? " Cerco di essere allo stesso tempo divertente e di nascondere la mia vergogna, "Beh, a volte." Cosa, hai bisogno di vedere le mie dichiarazioni dei redditi? Hahaha, no seriamente ho un lavoro diurno. Voglio dire, davvero.

Come fa un comico per un giorno di lavoro: lavoro

C'è qualcosa nell'avere un giorno di lavoro come comico che si sente particolarmente imbarazzante. E lo dico con un certo livello di autorità perché prima di iniziare a perseguire le arti comiche, mi sono immerso nell'essere un avvocato (nel senso che ho bombardato le mie LSAT) e poi mi sono buttato in una stilista di moda per due anni. Quando ho capito che volevo continuare a scrivere e recitare, ho decimato attivamente il mio curriculum e ho assunto un lavoro come impiegato in un'università. Non volevo fare un altro lavoro di progettazione che richiedesse tutto il mio tempo e la mia attenzione. Prendendo una pagina dal libro di Philip Glass, volevo un lavoro di base che mi permettesse di concentrarmi sul mio obiettivo, e solo sul mio obiettivo. Era il mio modo di rimuovere un Piano B pur potendo permettermi il Piano B.

Ma niente è lusinghiero e imbarazzante come quando un fan di YouTube si avvicina alla reception e sgorga "Oh mio Dio, sei Priya? Mi piace il tuo canale!" Sembra fantastico, vero? È decisamente insolito guardare il viso di un giovane fare i conti e sentirsi dispiaciuto per me. "Questa è la vita vera, i tuoi dei sono mortali e a volte possono permettersi solo di mangiare cracker a pranzo" è quello che voglio dire, ma invece dico "Oh amico, grazie! È così dolce da parte tua!" e poi offri loro un caffè.

Sappiamo tutti che abbiamo bisogno di posti di lavoro al giorno per soldi per vivere e pagare per le basi e, si spera, ricevere l'assicurazione. La Gerarchia dei bisogni di Maslow non è uno scherzo. Un sacco di artisti hanno avuto un lavoro quotidiano e la cosa importante da ricordare è "fare". Sono molto turbato dall'avere un lavoro diurno quando ho raggiunto un momento di calma creativa, quando mi sono arreso a pensieri che mi dicono che un lavoro di ufficio di basso livello sia al servizio dei docenti sia che i miei due gradi e anni di duro lavoro siano stati pari. Ciò che mi ha portato il tempo di capire è che i lavori del giorno potrebbero anche servirci in modo creativo. Il mio lavoro mi mette di fronte a pensieri, sentimenti e personalità con cui evito attivamente di confrontarmi (Lo chiamo adempiendo ai miei doveri karmici) e incontro persone che sono oltre la coo-banane che devo scrivere un personaggio intorno a loro.

Sto anche imparando l'arte e la politica di scrivere e-mail in un ambiente professionale, così posso coprirmi il culo e mantenere il lavoro dei miei sogni quando lo ottengo; fare amicizia, ma non abusare, la funzione CC. Immagino che avere il lavoro dei tuoi sogni non cancelli all'istante gli stronzi dalla tua vicinanza immediata o estesa, però. Alla fine della giornata, quando togliamo i reggiseni della fiducia mentre attraversiamo la porta, un lavoro è un lavoro. Lavoro di un giorno o lavoro da sogno, è un lavoro. Voglio dire, preferirei avere il lavoro dei miei sogni, di sicuro, ma quello che ho imparato dal mio lavoro di giorno, e porterà con me sul tappeto rosso quando vincerò il mio Emmy (sto provando Il segreto), è per continuare a crescere ho bisogno di continuare a creare. E per me continuare a creare ho bisogno di pagare la bolletta elettrica.


Video: Il LAVORO al NORD