In Questo Articolo:

A volte, un governo o altra grande entità tenterà di fornire incentivi per determinati comportamenti dei giocatori all'interno di un particolare mercato. Ad esempio, un governo può scegliere di fornire un credito d'imposta o un altro pagamento a una società che produce energia alternativa. Gli incentivi finanziari forniti da un governo che incoraggia certi comportamenti, in particolare la produzione di beni, sono noti come sussidi. Le sovvenzioni possono svolgere un ruolo importante, ma hanno anche vari problemi.

sussidi

La definizione di sussidio è relativamente ampia, in quanto può comprendere ogni volta che il governo paga denaro a un individuo o un'organizzazione perché ha eseguito un'azione particolare. Tuttavia, il termine è più spesso usato per riferirsi a pagamenti effettuati a società che coltivano o minano determinati prodotti o a parti che stanno cercando di acquistare un particolare prodotto.

Funzione

Quando le parti che producono o acquistano un prodotto ricevono sussidi, forniscono un incentivo alle parti a continuare a produrre questo prodotto o ad acquistarlo. Ciò incoraggia la produzione e il consumo del prodotto. Questo può incoraggiare comportamenti con effetti collaterali positivi. Ad esempio, se il governo sovvenziona la produzione di energia verde, ciò può portare a una diminuzione dell'inquinamento.

vantaggi

I sussidi governativi sono un modo eccellente per sostenere la produzione di beni e servizi che il mercato libero non ha una motivazione sufficiente per produrre, ma che soddisfa un'esigenza vitale. Ad esempio, un governo che si preoccupa che l'energia sia troppo costosa potrebbe desiderare di aiutare a sovvenzionare la propria produzione o acquisto, portando così a un prezzo più basso per i consumatori e consentendo a più persone di riscaldare e illuminare le proprie case.

svantaggi

I critici lamentano che i sussidi distorcono il funzionamento del libero mercato e portano a spese inutili. Ad esempio, al momento della pubblicazione, il governo degli Stati Uniti spende milioni di dollari ogni anno pagando agli agricoltori che non utilizzano terreni per coltivare mais e altre colture, come mezzo per mantenere il prezzo a un livello che consenta agli altri agricoltori di sopravvivere. Alcuni dicono che permettere al libero mercato di dettare il prezzo del grano salverebbe il governo e i soldi dei consumatori.


Video: Contributi a Fondo Perduto:come finanziare la tua impresa con agevolazioni regionali e fondi europa