In Questo Articolo:

Le linee di credito di equità domestica possono di solito essere cancellate prima che scadano in cambio di una tassa di cancellazione. Il modo in cui funzionano la maggior parte delle linee di credito di equità domestica, generalmente prevede un periodo di svalutazione da 10 a 20 anni durante il quale il denaro può essere preso in prestito usando l'equità domestica come sicurezza per il saldo. Una volta che il periodo finisce, inizia un periodo di recupero, durante il quale il saldo deve essere pagato. Se paghi il saldo per intero, puoi chiudere la linea di credito in anticipo.

Uomo a un cambio di valuta

Passo

Pagare il saldo della linea di credito di equità domestica per intero. Non aspettare troppo a lungo prima di iniziare la procedura di cancellazione o potresti incorrere in costi di inattività sul conto. Alcune linee di credito di equità domestica addebitano una commissione di rimborso anticipato se si restituisce la linea di credito azionaria domestica prima della scadenza del periodo di svalutazione.

Passo

Contatta il tuo prestatore e spiega la tua intenzione di cancellare la tua linea di credito di equità domestica in anticipo. Chiedete se il creditore ha qualche incentivo ad offrirvi per chiudere la linea di credito. In alcuni casi, i creditori vogliono ridurre le linee di credito disponibili dei propri clienti per isolarsi dal rischio. In alcuni casi, i prestatori sono stati noti per offrire pagamenti di incentivi e rinunciare a commissioni in cambio della cancellazione delle loro linee di credito azionarie domestiche da parte dei loro clienti.

Passo

Pagare tutte le spese di annullamento pertinenti e richiedere che la linea di credito di equità domestica sia chiusa. Se l'account è stato aperto per più di tre anni, il creditore può rinunciare alla tassa come cortesia per voi. Altrimenti, si aspetti di pagare fino a $ 500 per cancellare anticipatamente l'account. La chiusura dell'account avrà un lieve effetto negativo temporaneo sul tuo rapporto di credito.


Video: COME SI ESCE DALL'EURO? Intervista a Claudio Borghi