In Questo Articolo:

Una commissione di conservazione è un pagamento anticipato delle spese legali dell'avvocato. Il fermo, che viene pagato dal cliente all'avvocato, viene inserito in un conto speciale detenuto dall'avvocato. Il saldo del fermo viene dedotto dal momento che l'avvocato svolge servizi legali. A volte indicato come "acconto", le commissioni di conservazione sono spesso non rimborsabili. In base al tipo di servizi che stai cercando e alla percezione del tuo avvocato circa la tua capacità di pagare le tue spese legali, potresti essere in grado di negoziare una commissione di conservazione.

Come assumere un avvocato senza un fermo: avvocato

Puoi provare a negoziare i termini di una commissione di conservazione, includendone la rinuncia.

Passo

Negoziare senza spese di mantenimento. A seconda di quanto bene conosci il tuo avvocato e quanta fede ha nella tua capacità di pagare le tue spese legali, puoi provare a negoziare con il tuo avvocato un accordo di pagamento in base al quale non sarà necessaria una commissione di mantenimento.

Passo

Si consideri un accordo "tassa contingente". Secondo gli uffici legali di Aaron Larson, i casi di lesioni personali o di indennizzo per lavoratori possono essere ammissibili per un accordo a tariffa contingente in base al quale non è richiesta una tassa legale a meno che non si vinca il caso. Sebbene non ci possa essere una commissione di riserva addebitata dall'avvocato, alcune spese giudiziarie e altre tasse possono essere imposte anche in caso di smarrimento del caso.

Passo

Chiedi se l'avvocato gestirà il tuo caso "pro-bono". A volte un avvocato gestirà un caso su base pro-bono (cioè senza addebitare una commissione). Un avvocato a volte gestisce un caso su base pro-bono perché ha un interesse nella questione, l'argomento è di pubblico interesse o perché la persona che riceve i servizi legali è considerata a basso reddito. Se l'avvocato accetta la tua domanda in base al principio pro-bono, non sarà richiesta alcuna commissione di conservazione.


Video: Pmi. Dal 1° gennaio l'obbligo ad assumere per ogni 15 dipendenti un disabile