In Questo Articolo:

Le persone anziane hanno definito i giovani "impulsivi" sin dall'alba dei tempi. I social media non hanno portato a una caduta in questa accusa. Le storie sui millennial che si comportano male su Twitter o Facebook e poi vengono licenziate sono abbondantemente disponibili online. Si scopre che c'è di più in quella narrazione, però. I giovani non sono necessariamente scioccamente corretti per la condivisione di contenuti non professionali - anzi, potrebbero pensarci molto prima di entrare.

Un nuovo studio dell'Università dell'Inghilterra di Plymouth ha rilevato che mentre l'impulsività può indicare il rischio di fare posti imprudenti (per lo più sessualmente, socialmente o politicamente, per la maggior parte), è altrettanto probabile che gli utenti che condividono tali contenuti siano "altamente auto-monitoranti". " Ciò significa che modellano il loro comportamento in base alle norme sociali percepite più importanti per loro - quindi entrare a far parte di una comunità rende quel post potenzialmente rischioso non solo conveniente, ma la cosa giusta da fare.

Mentre è possibile che tu possa dire al tuo capo scontento che le regole sono diverse in cui ti ritrovi online, una scommessa molto migliore è farsi carico della tua presenza sui social media. Se i datori di lavoro includono una politica sui social media nei loro contratti di assunzione, potresti essere obbligato a rappresentare l'azienda in una luce positiva anche quando sei fuori orario. Se sei arrabbiato per l'intrusione nella tua vita personale e forse anche per le tue convinzioni, ricorda che la maggior parte dell'occupazione è "a volontà", il che significa a discrezione del datore di lavoro.

Invece, cura attentamente la tua presenza online. Il vecchio "Non dire nulla che non vorresti che tua madre vedesse" visto non è una cattiva metrica per scegliere cosa eliminare o bloccare. Guarda i tuoi tweet, i tuoi Insta e i tuoi post di Facebook come se fossi il tuo supervisore. Se ti arrabbi, prendi in considerazione la creazione di un'identità pubblica e la separazione delle altre presenze sui social media, incluse le funzioni di privacy e i filtri.

Se non sei sicuro di quale sia la linea per i contenuti online, chiedi al tuo manager o al reparto risorse umane le linee guida sulle norme sui social media. Stati e comuni diversi hanno diverse protezioni di condotta fuori servizio; se la tua ricerca non ti porta da nessuna parte, prova a chiedere a un avvocato specializzato in lavoro e impiego. Ultimo ma non meno importante, i social media possono entrare nelle nostre teste in ogni modo spiacevole. Mai dire mai a una disintossicazione, per avere un po 'di spazio e una certa prospettiva.


Video: I