In Questo Articolo:

Il mondo dell'assistenza sanitaria è pieno di acronimi e terminologia confusionali e può essere difficile per il consumatore medio risolvere tutto. Quando fai acquisti per l'assicurazione sanitaria, tramite il tuo datore di lavoro o da solo, incontrerai termini come HMO, PPO, HSA e altri. Comprendere questi termini e il loro significato può renderti un acquirente di assicurazioni più intelligente.

HSA vs. HMO: datore

Puoi risparmiare denaro con un HSA.

HMO

L'acronimo HMO sta per organizzazione di manutenzione sanitaria. Molte aziende offrono almeno un HMO ai loro lavoratori, e i piani HMO sono disponibili anche sul mercato sanitario individuale. Con un HMO scegli di solito un medico di base e quel medico coordina quindi i tuoi servizi di assistenza sanitaria, inclusi i riferimenti agli specialisti all'interno della rete HMO. Le HMO non ti copriranno per servizi da parte di fornitori esterni alla rete HMO. Gli assicurati di solito pagano copays per determinati servizi, e alcune HMO, in particolare sul mercato individuale, possono avere franchigie.

HSA

Un conto di risparmio sanitario, o HSA, è destinato a fornire ai consumatori incentivi fiscali favorevoli ad essere consumatori più intelligenti di assistenza sanitaria. L'idea è che i consumatori che spendono i propri soldi saranno più attenti ai prezzi e più propensi a guardarsi attorno per cure mediche non di emergenza. Puoi finanziare la tua HSA con dollari al lordo delle imposte e poi utilizzare i soldi accumulati per pagare i farmaci con obbligo di prescrizione medica, le visite mediche e una serie di altri servizi medici non coperti dal tuo piano di assistenza sanitaria. Puoi anche usare quei fondi HSA per pagare farmaci da banco se il tuo medico li prescrive. L'IRS limita l'importo che puoi mettere nel tuo HSA ogni anno, quindi controlla con il dipartimento delle risorse umane per i piani di gruppo, o un esperto contabile o fiscale, per piani individuali, per quanto riguarda i limiti consentiti.

Risparmio fiscale

Uno dei principali vantaggi di un conto di risparmio sanitario, oltre alla possibilità di mettere da parte i soldi per le cure mediche, è il fatto che si ottiene una detrazione fiscale per i contributi. Se hai accesso a un HSA tramite il tuo datore di lavoro, il denaro che contribuisci attraverso le detrazioni del libro paga è al netto dell'imposta, il che significa che non è incluso nel tuo reddito ai fini fiscali. Se contribuisci a un HSA da solo, puoi prelevare una detrazione fiscale per quei contributi quando completi il ​​modulo 1040. Ciò rende un HSA un eccellente veicolo di risparmio fiscale, nonché un buon modo per risparmiare sulle spese di assistenza sanitaria.

Alto piano sanitario deducibile

Un conto di risparmio sanitario può essere abbinato solo a un piano sanitario alto deducibile. Questi piani sono noti come HDHP nel settore assicurativo, quindi se stai acquistando un'assicurazione sul mercato individuale, assicurati di dire all'agente che hai bisogno di un piano idoneo HSA. Se si ottiene l'assistenza sanitaria attraverso il proprio datore di lavoro, verificare con il dipartimento delle risorse umane la prossima volta che si registra l'iscrizione aperta. Il tuo dipartimento risorse umane può dirti quale dei loro piani si qualifica per un HSA. Se il tuo datore di lavoro offre un piano sanitario idoneo all'HSA, l'impresa potrebbe anche finanziare alcuni o tutti gli HSA. In caso contrario, puoi finanziare tu stesso l'HSA attraverso le detrazioni sui salari.


Video: Why Should I Use a Health Savings Account (HSA)?