In Questo Articolo:

Il tasso di interesse effettivo è il tasso di interesse effettivo quando l'interesse è aggravato, ad esempio in un conto di risparmio. Ciò significa che l'interesse guadagnato durante un periodo si aggiunge ai risparmi per il periodo successivo. Quando si ha a che fare con il tasso di interesse annuale, la differenza tra i tassi nominali e quelli effettivi entra in gioco ogni volta che l'interesse è aggravato più di una volta all'anno. Il tasso annuale nominale è l'interesse grezzo o l'interesse senza capitalizzazione.

Tasso nominale vs. tasso effettivo: interesse

Tempo e denaro sono correlati.

Tasso nominale

Il tasso di interesse annuale nominale è il tasso di interesse annuale senza capitalizzazione. Se estrai l'interesse guadagnato invece di reinvestirlo, guadagnerai il tasso nominale. Il suo uso migliore è calcolare il tasso di ogni periodo. Il periodo che vuoi calcolare è il tempo necessario a pagare gli interessi sul tuo deposito, ad esempio un giorno o un mese. Questo è il periodo di capitalizzazione. La capitalizzazione giornaliera paga ogni giorno interesse. La capitalizzazione mensile paga interessi ogni mese e così via.

Tasso periodico

Il tasso di interesse periodico è l'interesse che guadagni durante quel periodo, ad esempio, dopo un giorno o dopo un mese. Per calcolare il tasso di interesse periodico per il tuo deposito, dividi il tasso nominale annuo per la quantità di periodi entro un anno. Per la composizione giornaliera, dividere la tariffa nominale per 365. Per la composizione mensile, dividere la tariffa nominale per 12 e così via. Il tasso periodico viene utilizzato anche per i prestiti. I prestiti sono generalmente pagati con rate mensili. Ciò significa che pagherai sempre un interesse di un mese sul saldo decrescente. Il tasso periodico per i prestiti è il tasso mensile, o il tasso nominale diviso per 12.

Tasso effettivo

Il tasso di interesse effettivo è il tasso di interesse effettivo che ricevi in ​​un dato momento dopo la capitalizzazione o il reinvestimento dell'interesse. La formula per convertire il tasso periodico nel tasso effettivo complessivo è questa: aggiungere 1 al tasso periodico. Alza questo numero alla potenza dei periodi. Per due periodi, ad esempio, aumenti alla potenza di due, o piazza il numero. Quindi sottrarre uno per il tasso. Ad esempio, se il tasso periodico mensile è 0.005 (mezzo punto percentuale), il tasso annuo effettivo è 1.005 alla dodicesima potenza meno 1, che ammonta a un po 'meno di.0617, o 6.17%. Il tasso annuale nominale, d'altra parte, è solo del 6 percento.

Torna alla frequenza periodica

È inoltre possibile ripristinare la tariffa effettiva nella tariffa periodica. Basta aumentare la velocità effettiva più 1 alla potenza reciproca dei periodi e sottrarre 1. Ad esempio, per convertire il tasso effettivo annuo al tasso mensile, aggiungere prima 1 alla tariffa effettiva. Quindi aumenta quel numero all'1 / 12th. Quindi sottrarre 1.

Compounding continuo

La quantità di volte che puoi mescolare è infinita. Puoi ricevere interesse ogni secondo, ogni mezzo secondo o ogni milionesimo di secondo. Questo infinito raggiunge un limite alla composizione continua. La formula per il tasso effettivo di compounding continuo è questa: moltiplica qualsiasi tasso non composto per il numero di volte che si presenta complessivamente. È possibile utilizzare la velocità nominale stessa se si sta calcolando il tasso effettivo annuo. Chiama questo RT. Aumenta il numero di Eulero, noto come "e", alla potenza di RT. Sottrai 1 per la tariffa effettiva. I tuoi tempi di deposito del tasso effettivo sono i tuoi guadagni.


Video: tassi frazionati, nominali convertibili e equivalenti