In Questo Articolo:

In alcune parti del mondo, tutti sono a Game of Thrones Stark. "L'inverno sta arrivando" non è solo un motto di famiglia, ma un modo di vivere. Dobbiamo ancora andare in giro quando fuori nevica e gelo, ma un metodo diffuso potrebbe effettivamente fare più male che bene.

I ricercatori della Chalmers University of Technology di Svezia hanno appena pubblicato uno studio che esamina l'impatto complessivo degli pneumatici chiodati, che si adattano a strade innevate come bitte di cingoli per impedire alle macchine di sbandare. Circa il 60% dei conducenti svedesi utilizza pneumatici chiodati in inverno, rendendo il loro impatto ambientale una preoccupazione nazionale. Quando i prigionieri corrono su cemento o asfalto esposti (ad esempio, non su ghiaccio o neve), alla fine rovinano le strade e creano pericolose emissioni dal particolato che sollevano.

A peggiorare le cose, uno dei materiali utilizzati nella creazione delle borchie è un minerale di conflitto. L'estrazione mineraria di cobalto è un attore chiave nel conflitto pluridecennale che ha devastato la Repubblica Democratica del Congo. Il team di Chalmers ha scoperto che alla fine le gomme chiodate costano più vite di quelle che risparmiano dagli incidenti. Secondo un comunicato stampa, "l'uso svedese di pneumatici chiodati consente di risparmiare tra 60 e 770 anni di vita, rispetto ai 570 e ai 2200 anni di vita persi".

La maggior parte delle soluzioni proposte dai ricercatori di Chalmers sono comunali o aziendali, piuttosto che individuali. "Il modo in cui guidi è importante, e l'innevamento e la spazzata devono essere eseguiti correttamente", ha detto la co-autrice Anna Furberg. "Oggi molte macchine dispongono anche di sistemi elettronici antislittamento che li rendono più sicuri da guidare a velocità più elevate." In definitiva, propongono ulteriori ricerche sulle alternative ai pneumatici chiodati. Fino ad allora, prendi in considerazione altre opzioni - o guarda se il cambiamento climatico fa la scelta giusta per te.


Video: Gomme invernali, ecco perché fanno la differenza (non solo sulla neve)