In Questo Articolo:

Se i fratelli e gli eredi non vanno d'accordo quando la loro amata è viva, di solito è improbabile che la loro relazione migliorerà dopo la sua morte. Anche il meglio delle relazioni potrebbe soffrire di tensioni quando gli eredi ed i beneficiari non sono d'accordo su come gestire determinati beni. Sono state create leggi statali individuali per far fronte a queste controversie, ma esattamente come la legge riesce a fare ciò può dipendere dai termini della volontà del defunto, o se ha addirittura lasciato una volontà.

Cosa succede alla proprietà reale quando gli eredi litigano per vendere?: proprietà

Di solito, l'esecutore di una proprietà e il tribunale di successione prendono la decisione finale in merito alla vendita o meno di beni immobili.

La volontà

Idealmente, il defunto ha lasciato una volontà e prende disposizioni specifiche riguardo a qualsiasi proprietà reale che ha lasciato dietro di sé. Potrebbe dare al suo esecutore il potere di farlo come meglio crede. Potrebbe dichiarare di volere la proprietà immobiliare venduta e il denaro diviso tra i suoi beneficiari. In tali casi, la maggior parte dei tribunali di successione statale onorerà i termini della volontà. L'unica opzione che un erede scontento potrebbe avere è di dimostrare che il testatore non era di buona idea quando scriveva il testamento, o esisteva qualche altra circostanza che avrebbe costretto il tribunale a liquidarlo come non valido. Questa è una gara di volontà e potrebbe essere una dura battaglia legale per vincere.

Potere dell'Esecutore

Anche se un testatore non dà al suo esecutore l'autorità di vendere la proprietà reale della proprietà, le leggi statali di solito le danno comunque il diritto di farlo. Tuttavia, lei dovrebbe prima ricevere l'approvazione del tribunale. Spesso, un esecutore deve vendere beni immobili e altri beni per pagare i debiti del defunto. Dovrebbe fare una petizione alla corte di successione prima di farlo, e qualsiasi erede che si oppone alla vendita può obiettare. Un giudice prenderebbe la decisione definitiva.

Proprietà congiuntamente legata agli eredi

In alcune situazioni, il defunto potrebbe lasciare in eredità un pezzo di proprietà congiuntamente a diversi eredi, oppure potrebbe morire lasciandosi alle spalle il patrimonio immobiliare ma senza volontà. In entrambe le situazioni, due o più eredi potrebbero scoprire di essere comproprietari di un pezzo di proprietà e non sono d'accordo su cosa fare con esso. Un erede che vuole vendere può presentare una petizione alla corte per una "vendita delle partizioni". Coloro che non vogliono vendere hanno il diritto di discutere la loro posizione in tribunale. Un giudice potrebbe approvare una tale vendita se l'immobile è una casa. Se è terreno libero, potrebbe dividerlo "in natura", dividendo il terreno in porzioni e dando la proprietà esclusiva di ogni sezione ai singoli eredi.

Suggerimenti

In alcuni stati, se un giudice ordina una partizione vendita di proprietà, può accadere senza alcuna disposizione che la proprietà deve vendere per valore equo di mercato. Il tribunale potrebbe metterlo all'asta al miglior offerente. È possibile per un investitore far scattare la proprietà in questo modo per una frazione del suo valore. Se sei l'erede che voleva vendere, potresti finire con molto meno denaro di quanto avevi previsto.


Video: ОТ АТЕИСТА К СВЯТОСТИ