In Questo Articolo:

La data su un assegno personale o aziendale può dettare l'ultima opportunità che il beneficiario deve depositare o incassare. Le banche non sono obbligate a riscuotere assegni oltre sei mesi dopo la data di controllo, sebbene possano comunque scegliere di farlo. Le banche possono anche onorare assegni personali postdatati prima della data indicata, purché ritengano che si tratti di un controllo valido.

Mani che scrivono assegno

Una banca può incassare qualsiasi assegno se ritengono che sia valida e ci sono fondi per coprirlo.

Controllare le date

La data di un assegno è la data scritta o stampata dall'emittente sul lato del controllo. Appare a destra delle informazioni di contatto dell'emittente. Eventuali avvisi di annullamento elencati sull'assegno e sul periodo di scadenza della verifica si basano sulla data scritta. Ciò significa che la data di controllo avvia il conto alla rovescia affinché il beneficiario avalla il controllo, indipendentemente da quando il controllo è stato effettivamente inviato o quando il destinatario ha ricevuto il controllo. Ciò significa anche che se l'emittente ha scritto il mese o l'anno sbagliato per un assegno, potrebbe non essere in grado di incassarlo e sarà necessario riemettere il controllo.

Assegni postdatati

È prassi diffusa posticipare i controlli. Quando si paga l'affitto, le utenze e altre bollette, le persone possono inviare un assegno in anticipo ma posticipare l'assegno per il giorno in cui il conto è dovuto. C'è un malinteso comune che le banche non possono o non possono incassare assegni fino alla data scritta sull'assegno. Tuttavia, questo non è vero. Una banca può incassare un assegno a condizione che non abbia motivo di ritenere che non sia chiaro o che non ritenga che l'assegno sia fraudolento.

Controlli obsoleti

Molti controlli hanno avvisi su di loro come "annullamento 90 giorni dopo la data di controllo". La data "non valida per" potrebbe essere esecutiva o meno. Se una società ha specificamente incaricato una banca di rispettare la data di "annullamento entro", la banca può rifiutarsi di confermare l'assegno dopo la data di annullamento. Altrimenti, probabilmente incasserà il controllo fino a sei mesi dalla data registrata. Ai sensi del Codice commerciale uniforme, le banche non sono obbligate a riscuotere assegni in contanti sei mesi dopo la data di controllo. Tuttavia, se la banca ritiene che il controllo sia legittimo e che il pagatore abbia fondi per coprirlo, può scegliere di confermare il controllo.

Implicazioni dei controlli obsoleti

Se hai un assegno di più di sei mesi e una banca non la incasserà, non sarai necessariamente sfortunato. Molti stati hanno leggi sulla proprietà non rivendicate che richiedono a privati ​​e imprese di consegnare beni allo stato se il beneficiario non li ha reclamati. Ad esempio, lo Stato della California richiede alle aziende di consegnare stipendi non liquidati dopo un anno. Se una banca non incasserà l'assegno obsoleto perché la società ha cessato l'attività o l'account non esiste più, contatta il tuo stato e informati sulla proprietà non reclamata.


Video: TESTIMONIANZA di Claudia Koll