In Questo Articolo:

Il programma di previdenza per anziani, superstiti e invalidità fa parte della previdenza sociale. Il governo federale applica una tassa del 12,4% su tutti i salari e gli introiti. Di questo, il 6,2 percento proviene dallo stipendio per finanziare le attuali prestazioni di sicurezza sociale a pensionati, superstiti a vedove, vedovi e orfani e pagamenti di invalidità a coloro che ne hanno bisogno. Un ulteriore 1,45% esce dalla tua busta paga ogni mese per finanziare Medicare. Il tuo datore di lavoro paga l'altra metà delle tue tasse OASDI e corrisponde alla tua imposta Medicare. I lavoratori autonomi devono pagare sia il datore di lavoro che i contributi dei dipendenti a OASDI e Medicare.

Qual è la detrazione OASDI su uno stipendio?: sociale

Storia

La sicurezza sociale venne alla luce quando il presidente Franklin Roosevelt firmò la legge sulla sicurezza sociale nel 1935. Il governo iniziò a riscuotere le tasse nel 1937 e le prime prestazioni mensili cominceranno nel 1940. Inizialmente era concepito come un programma di pensionamento, ma i sussidi ai superstiti furono aggiunti alla previdenza sociale nel 1939 e nel 1956 furono aggiunti i sussidi di invalidità. Il presidente Lyndon Johnson firmò Medicare in legge nel 1965. Il Congresso approvò un aggiustamento del costo della vita nel 1972, che legò i benefici al tasso di inflazione.

Benefici

OASDI paga una parte delle entrate precedenti ai pensionati qualificati. I benefici effettivi variano in base a quanto il beneficiario ha contribuito e all'età in cui hanno scelto di iniziare a usufruire delle prestazioni di sicurezza sociale. Il beneficio medio mensile di OASDI nel 2008 era di 1.104 dollari al mese per i lavoratori in pensione, e di $ 589.60 per i coniugi dei lavoratori in pensione. L'indennità media mensile per i superstiti era di $ 981,30 e il pagamento medio ai lavoratori disabili era di $ 1,063,10.

Struttura fiscale

Il governo impone la tassa OASDI sui primi $ 106.800 di reddito a partire dal 2010. Qualsiasi reddito ricevuto oltre $ 106.800 non è soggetto alla tassa OASDI. Ciò significa che l'imposta è regressiva. Ma anche i benefici sono regressivi, dal momento che i lavoratori a basso reddito ottengono una percentuale più alta del loro reddito rimpiazzata dalle entrate della sicurezza sociale.

Le sfide

La sfida più grande della sicurezza sociale è demografica: quando il sistema è stato progettato per la prima volta nel 1935, il lavoratore medio ha vissuto solo pochi anni oltre l'età pensionabile e ha raccolto solo benefici per alcuni anni. Nel frattempo, una vasta coorte di baby boomer raggiungerà presto l'età pensionabile e inizierà a raccogliere benefici, proprio come una generazione di "baby-busto" sta raggiungendo il suo picco di anni di guadagno. Il risultato è che il numero di lavoratori che sostengono un singolo pensionato attraverso le loro imposte sulla sicurezza sociale è sceso da 15 a 1 nel 1935 a 3,2 nel 2010. Si prevede che tale numero scenderà a 2,2 lavoratori per pensionato entro l'anno 2030, secondo un'analisi dall'Istituto Urbano.

prospettiva

Storicamente, il sistema di sicurezza sociale ha generalmente un surplus: i pagamenti versati dai lavoratori sono stati più che sufficienti per finanziare i benefici correnti, con tutte le eccedenze utilizzate per acquistare buoni del tesoro all'interno del Fondo fiduciario della previdenza sociale. Dal momento che il Fondo fiduciario, tuttavia, consiste interamente in crediti sulle entrate generali degli Stati Uniti, il Congresso deve prendere alcune decisioni difficili nei prossimi anni, poiché le tendenze demografiche trasformano il surplus della sicurezza sociale in un deficit operativo. Il Congresso dovrà aumentare le tasse, diminuire i benefici (magari aumentando l'età pensionabile) o ottenere rendimenti migliori dal fondo fiduciario della Previdenza Sociale - un obiettivo che richiederà in qualche modo la privatizzazione, poiché nel sistema attuale qualsiasi aumento dei rendimenti è annullato da un aumento delle spese nel fondo generale degli Stati Uniti.


Video: Appello di Di Maio al Pd: ‘Contratto di governo su punti in comune è possibile’