In Questo Articolo:

Molte aziende di assegni circolari effettuano assegni finché il titolare dell'assegno può fornire un'identificazione corretta e il controllo è considerato autentico. Tuttavia, se la banca o l'emittente di assegni decide di emettere un pagamento di stop su un assegno incassato in una società di incassi, causa complicazioni. Il business degli incassi è il partito che perde denaro quando ciò accade. Determinare chi è in ultima analisi responsabile può rivelarsi una situazione appiccicosa per tutte le parti coinvolte.

Controlla i servizi di incassare

Un'attività di incassare assegni è un'alternativa per le persone che non possono aprire un conto bancario. Questi individui devono pagare una tassa, che può variare da circa 1 a 4 per cento dell'importo dell'assegno, per la convenienza di incassare l'assegno. Quando un cliente visita un'attività di incassare assegni per incassare un assegno, deve fornire il suo documento d'identità rilasciato dal governo e scattare una foto in alcuni casi. Tuttavia, anche con queste misure di sicurezza, l'addetto al pagamento assegni non sa se è stato emesso un pagamento di arresto sul pagamento fino a dopo aver presentato il controllo alla banca emittente.

Cos'è uno Stop Payment?

Un pagamento di arresto si verifica quando la persona che ha scritto l'assegno cambia idea. Il titolare del conto contatta la sua banca per porre una fermata sull'assegno in modo che quando la banca del destinatario tenta di incassarlo e di raccogliere i fondi, la richiesta viene respinta. Nel caso di un deposito incassato, l'impresa di incassare assegni è la parte che richiede di recuperare i fondi e, di conseguenza, sostiene il costo dovuto al pagamento dello stop.

Chi è responsabile?

La persona che ha ricevuto i fondi dall'incassare l'assegno è la parte che si allontana con il denaro quando viene emesso uno stop. Tuttavia, in molti casi il beneficiario (la persona che ha scritto l'assegno) è ritenuto responsabile della causa del problema. Questo è chiamato argomento di "detentore a tempo debito", in cui l'attività di assegno circolante richiede il pagamento da parte del beneficiario dopo aver incassato l'assegno in buona fede. Altre aziende possono scegliere di perseguire il cliente per recuperare i fondi invece.

Risolvere il problema

La linea di condotta per risolvere questa situazione dipende generalmente dalla quantità. Per importi limitati, l'imprenditore incassato può semplicemente inviare una lettera e una fattura all'altra parte per richiedere il pagamento. Se l'imprenditore persegue il cliente, ma non restituisce il denaro, il cliente deve un debito al business e probabilmente verrà negato ulteriori servizi fino a quando non risolverà la situazione. Per un importo maggiore, l'imprenditore incassato può decidere di intraprendere un'azione legale contro il beneficiario o il cliente.


Video: Consiglio Comunale del 30 Marzo 2017