In Questo Articolo:

Molti di noi non stavano ancora comprando case quando il mercato immobiliare è crollato nel 2008, portando con sé il resto dell'economia. Dieci anni dopo, stiamo ancora vivendo la sbronza della Grande Recessione. Per alcuni, le cose stanno cercando, ma per gli altri, abbiamo bisogno di rimanere scettici.

Gli economisti della University of California, Berkeley, hanno appena pubblicato un'analisi del settore dei mutui che dovrebbe preoccuparci. L'ultima volta, l'industria dei mutui è crollata, grazie alle scommesse delle grandi banche che è stato possibile trasformare la proprietà in un'arena di investimento in stile mercato azionario. (Per una bella occhiata a come tutto è andato giù, dai un'occhiata The Big Short, o guarda la gente al Crash Course spiegartelo tutto sotto).

Gli economisti di Berkeley, lavorando con i colleghi della Federal Reserve, ora credono di iniziare a vedere segni di un problema simile, questa volta tra i prestatori non bancari. Nel 2016, aziende come PennyMac, AmeriHome Mortgage e Stearns Lending hanno costituito una metà completa di tutte le ipoteche; nel 2007 erano solo il 20%. Coprono anche circa tre quarti dei prestiti garantiti dalla Federal Housing Administration e dal Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti, quindi la loro portata non è insignificante.

La cosa più problematica è che gli istituti di credito non bancari non dispongono di enormi riserve di denaro per ricorrere all'aiuto in caso di emergenza - ad esempio, se improvvisamente molti dei loro titolari di ipoteche non possono pagare perché non riescono a trovare lavoro. I creditori non bancari sono linee di vita per molte delle comunità più vulnerabili del paese e un collasso si diffonderà in tutto l'economia in grande stile. Se sei preoccupato per un mutuo, o uno che non hai ancora o uno che stai pagando, parla con un rappresentante per verificare lo stato di salute del tuo prestatore. Se non sei soddisfatto, potrebbe essere il momento di dare un'occhiata ad altre opzioni.


Video: Ristrutturazione: consigli per evitare costi imprevisti