In Questo Articolo:

Quando si tenta di effettuare un prelievo da un conto bancario appartenente a un individuo deceduto, è necessario fare i conti con le leggi statali e federali, così come le politiche della banca particolare. La titolazione precisa dell'account influisce direttamente sul modo in cui è possibile accedere ai fondi. In alcuni casi, è possibile continuare a utilizzare l'account senza apportare alcuna disposizione speciale.

Conto cointestato

Le leggi statali relative alla proprietà congiunta variano, ma nella maggior parte degli Stati, i conti bancari congiunti funzionano sulla premessa che se un proprietario muore, l'altro proprietario assume il pieno controllo dell'account. Tali conti sono definiti conti congiunti con i diritti di sopravvivenza. Il proprietario superstite può continuare a scrivere assegni e utilizzare carte di debito per effettuare prelievi dal conto senza restrizioni. Tuttavia, in alcuni stati, quando un comproprietario muore, metà dell'account diventa di proprietà della proprietà di quel proprietario. Qualcuno nominato dal tribunale per agire come amministratore del defunto può accedere ai fondi producendo un certificato di morte, documenti giudiziari e una valida forma di identificazione.

Beneficiario Pay-On-Death

Molte persone nominano pay-on-death, o POD, beneficiari sui loro conti bancari. La Federal Reserve riconosce i conti POD come trust revocabili. Come con qualsiasi trust revocabile, il beneficiario nominato assume il controllo del conto in seguito alla morte del proprietario originale. Per accedere ai fondi, i beneficiari devono fornire alla banca una copia del certificato di morte e una forma di identificazione conforme ai requisiti della politica della banca. Generalmente, la maggior parte delle banche accetta solo identificazioni emesse dal governo, come passaporti o patenti di guida. Il beneficiario del POD non può continuare a utilizzare l'account; invece, la banca chiude il conto e fornisce i fondi al beneficiario.

Probate

Quando una persona con un unico conto bancario di proprietà muore senza aver nominato alcun beneficiario dell'account, l'account e il resto del patrimonio del defunto devono passare per l'omologazione. Un giudice di successione esamina la volontà del defunto, se esiste, e decide come regolare la proprietà. Il giudice nomina un esecutore per sorvegliare la proprietà e produce lettere di amministrazione che nominano l'esecutore e forniscono istruzioni per la sistemazione della proprietà. L'esecutore può chiudere l'account fornendo queste lettere, insieme a un certificato di morte e un documento di identità valido presso la banca che detiene l'account.

Fiducia

Alcune persone stabiliscono trust viventi durante la loro vita. I trust sono entità legali distinte dall'individuo che ha creato il trust. Quando la persona che crea il trust, noto come il concedente, muore, la fiducia continua ad esistere. Il trustee nominato amministra il trust e tutte le risorse, come i conti bancari, che appartengono al trust. Il trustee può effettuare prelievi scrivendo assegni o prelievi bancari di persona, ma deve distribuire fondi in conformità con le istruzioni contenute nel documento di fiducia.


Video: POPOLO UNICO – SIAMO DAVVERO PROPRIETA’ DELLO STATO? Scopriamo come tutelare i nostri figli